Premio per la ricerca

Dal 1981 la Fondazione Svizzera di Cardiologia conferisce ogni anno un Premio per la ricerca per uno o più eccellenti lavori di ricerca scientifica nel campo della prevenzione, della diagnosi e del trattamento delle malattie cardiovascolari. Questo premio ha una dotazione di CHF 20'000.

Premio per la ricerca 2020: Migliore protezione per i nostri vasi sanguigni

Quest’anno la Fondazione Svizzera di Cardiologia assegna il premio per la ricerca al professore Giovanni G. Camici del Centro di cardiologia molecolare dell’Università di Zurigo. Il lavoro di ricerca del prof. Camici ha evidenziato i meccanismi genetici che danneggiano i nostri vasi sanguigni. In futuro queste conoscenze contribuiranno a proteggerci meglio da infarto cardiaco e ictus cerebrale.

Prof. Camici

Le malattie cardiovascolari e l’ictus cerebrale sono tra le malattie più frequenti che si riscontrano in età avanzata. Anche in Svizzera sono tra le principali cause di decesso. Spesso sono la conseguenza di un sistema vascolare da anni malato. Il prof. Giovanni C. Camici, biologo molecolare dell’Università di Zurigo, ne studia i processi. Le sue ricerche si concentrano in particolare sullo strato interno dei vasi sanguigni, cioè su come il tessuto endoteliale si modifichi e subisca danni. I disturbi dell’endotelio sono causati da invecchiamento dei vasi sanguigni, ipertensione arteriosa, grassi del sangue e diabete, ma anche da reazioni infiammatorie e infezioni, per esempio anche dalla Covid-19.

Giovanni Camici ha scoperto i meccanismi di biologia molecolare che intervengono negativamente sulle funzioni dell’endotelio. Ha tra l’altro identificato dei geni che influiscono sulla produzione nelle cellule di composti dell’ossigeno o di sostanze infiammatorie aggressive. È interessante notare come questi geni assumano una doppia funzione: da essi dipende quanto vivremo, cioè che età raggiungeremo e agiscono anche sui processi patologici del sistema cardiovascolare dovuti all’età.

Queste nuove conoscenze sono molto preziose per sviluppare nuove terapie in particolare in campo genetico. «Il lavoro di ricerca di Giovanni Camici ci mostra come procedere per riuscire a proteggere ancora meglio i vasi sanguigni. In questo modo potremo in futuro prevenire o trattare in modo ancora più efficace l’infarto del miocardio o l’ictus cerebrale», afferma il prof. Thomas Lüscher, presidente della commissione di ricerca della Fondazione Svizzera di cardiologia, che conferisce al 43enne biologo molecolare il premio per la ricerca della fondazione di quest’anno con una dotazione di 20’000 franchi svizzeri.


Saperne di più

Un nuovo test veloce e sicuro per l’infarto cardiaco
Premio per la ricerca 2019

Più pazienti potrebbero beneficiare di un trattamento dell’ictus cerebrale
Premio per la ricerca 2018

Miglior trattamento per i pazienti colpiti da ictus cerebrale e infarto cardiaco
Premio per la ricerca 2017

Le emozioni possono far battere troppo forte il cuore
Premio per la ricerca 2016

[Translate to Italienisch:] spenden

La Fondazione Svizzera di Cardiologia promuove progretti di ricerca per porter aiutare meglio i pazienti in futuro. Aiutate anche voi con un'offerta.

Condividi il sito Web