Newsroom

Rilevamento precoce dei geni per i lipidi nel sangue

Alcune persone hanno il colesterolo alto in giovane età e la causa è una malattia ereditaria. Ma come fanno gli interessati a saperlo il prima possibile? Come si può curarli per proteggerli dai rischi cardiovascolari? Un progetto di ricerca svizzero sta studiando un metodo promettente.

Aline Cretegny*, 46 anni, si trova nel laboratorio di cateterismo cardiaco dell'Ospedale universitario di Ginevra. Ha avuto un infarto e le stanno inserendo tre stent. Essendo molto giovane per un infarto, questo rende i medici molto attenti. Si sospetta che Aline Cretegny abbia una malattia ereditaria.

Un esame del sangue mostra che il suo colesterolo LDL, cioè quello cattivo, è di 8 mmol/l, un valore molto alto. Su consiglio dei suoi medici fa un test genetico e il risultato mostra che ha effettivamente un difetto genetico, responsabile degli alti valori di lipidi nel sangue. In altri termini, ha una malattia ereditaria chiamata ipercolesterolemia familiare (IF).

Disturbi del metabolismo lipidico
Molte persone hanno livelli elevati di colesterolo. Il grasso del sangue viene trasportato tramite due proteine: la LDL trasporta il colesterolo dal fegato alle cellule e ai tessuti, mentre l'HDL a sua volta lega il colesterolo in eccesso e lo trasporta dagli organi e dalle pareti vascolari al fegato. Se c'è troppo colesterolo LDL e troppo poco colesterolo HDL nel sangue, i lipidi si accumulano nello strato interno delle arterie, si verificano reazioni infiammatorie e i vasi iniziano a restringersi. Il rischio di arteriosclerosi aumenta e con esso quello di un infarto cardiaco o di un ictus cerebrale.

Ipercolesterolemia familiale
Quanto prima viene rilevata l'ipercolesterolemia familiare, tanto migliore è la prognosi.

Per la maggior parte delle persone colpite, sono responsabili il nostro attuale stile di vita o le malattie correlate: fattori di rischio sono il sovrappeso, il diabete, la mancanza di esercizio fisico e una dieta ricca di grassi e colesterolo. Si presume che in questo caso anche una predisposizione familiare  influenzi gli elevati valori di lipidi nel sangue.

Tuttavia, alcuni pazienti hanno valori molto elevati nonostante uno stile di vita sano. Il loro metabolismo lipidico è geneticamente disturbato: la funzione dei loro recettori LDL è compromessa, le cellule non possono assorbire il colesterolo LDL o possono assorbirlo solo parzialmente. Di conseguenza, questo si accumula nel sangue e si deposita in diverse parti del corpo. Oggi conosciamo tre difetti genetici che causano la IF e che sono responsabili del 95 per cento dei casi. Poiché un singolo gene alterato è sufficiente per la malattia, questa è definita mono-genetica.

Individuazione precoce della malattia
«Con una paziente come Aline Cretegny, la diagnosi purtroppo arriva un po' tardi» dice lo specialista di colesterolo Dr. PD David Nanchen dell'Università di Losanna. Sarebbe stato meglio se l'avesse saputo prima, ben prima dell'infarto. Perché le persone con un’IF di solito hanno forti aumenti dei livelli di colesterolo fin dall'infanzia o da giovani adulti senza nessun sintomo. Più a lungo una persona vive con livelli di colesterolo elevati, maggiore è il danno ai vasi sanguigni e quindi il rischio cardiovascolare. O viceversa: prima si scopre una IF, migliore è la prognosi.

Il gene difettoso e quindi la malattia non possono essere curati, ma è possibile una terapia. «Ora abbiamo eccellenti medicamenti che abbassano il colesterolo elevato, anche nell'IF», dice David Nanchen. Le statine sono ben studiate come farmaci per ridurre il colesterolo. Riducono il rischio di infarto, ictus o l'arteriopatia obliterante periferica (AOP). Per alcuni pazienti esistono anche nuovi e interessanti approcci terapeutici, come ad esempio gli inibitori del PCSK-9. Nel caso di Aline Cretegny, però, non si tratta solo di lei e della sua terapia; anche altri membri della famiglia possono essere portatori di questo difetto genetico senza saperlo.

Test a cascata
Nel caso di una malattia monogenetica, c'è un rischio del 50% che anche un parente diretto sia portatore del gene. Ciò significa che probabilmente ne sono colpiti i genitori, i fratelli e i figli di Aline Cretegny. È quindi importante che parli della sua malattia all'interno della famiglia, in modo che anche altri membri possano essere sottoposti al test.

In passato è stata prestata troppa poca attenzione a questo aspetto: finora i medici hanno consigliato ai pazienti di informare le loro famiglie. I medici non possono informare direttamente le altre persone e questo è un altro motivo per cui l'IF è sottodiagnosticata. Si stima che in Svizzera una persona su 200 sia affetta da questa malattia. Solo il 15% di loro ha un problema medico. «Questo non basta», dice David Nanchen, «quindi dobbiamo trovare nuove strade.»

Un progetto di ricerca, finanziato dalla Fondazione Svizzera di Cardiologia, mira a testare l'efficacia del cosiddetto "screening a cascata". Si tratta di un programma promettente che ha già dimostrato il suo valore in nazioni quali i Paesi Bassi o la Danimarca. L'obiettivo è quello di scoprire quante più persone malate possibile nel loro ambiente familiare. Per far ciò, il responsabile del progetto David Nanchen si affida alla tecnologia dell'informazione: grazie a una piattaforma internet una persona malata può entrare facilmente in contatto con la famiglia.

Contattare direttamente le persone interessate
La piattaforma invia un SMS a tutti i membri della famiglia di primo grado, che possono quindi registrarsi. Questo, a sua volta, permette ai medici di entrare in contatto diretto con le persone che potrebbero essere colpite, al fine di motivarle a sottoporsi a un test. È proprio questo contatto medico diretto che non è stato ancora testato in termini di efficacia. «Speriamo che il nostro metodo aumenti il numero di diagnosi dal 15 al 40%», dice David Nanchen.

Se il progetto avrà successo, lo screening a cascata sarà disponibile per tutti i medici che curano i pazienti con IF. Il fatto che le persone vengano a conoscenza della loro malattia ereditaria in ritardo o, come Aline Cretegny, solo dopo un grave infarto cardiaco, in futuro non dovrà più accadere o almeno molto meno frequentemente.

*Nome modificato


Saperne di più

Qui si trovi maggori informazioni sull'ipercolesterolemia familiale.

Condividi il sito Web