Newsroom

Proteggere il cuore con una buone igiene

Un'infezione può danneggiare il cuore. Dall'inizio della pandemia di COVID-19, talvolta se ne è parlato addirittura sui giornali, ma molti altri virus e batteri possono colpire il cuore. Il Prof. Parham Sendi, infettivologo clinico dell'ospedale universitario di Basilea, spiega chi è particolarmente colpito e come si possono prevenire le infezioni.

Come infettivologo, Lei è particolarmente impegnato in tempi di COVID-19. Come è organizzata la Sua vita quotidiana?
Prof. Parham Sendi
: Lavoro al 50% con i pazienti dell'ospedale universitario di Basilea e l'altra metà del tempo come docente e ricercatore presso l'istituto per le malattie infettive dell'Università di Berna. Quindi non sono sempre occupato con il problema COVID-19.

Qual è la situazione rispetto alla prima ondata della scorsa primavera?
A quel tempo molte cose non erano ancora chiare, eravamo meno preparati per la pandemia rispetto a quanto lo siamo oggi. Non sapevamo ancora quale trattamento avrebbe funzionato e quale no, perciò, era naturale impiegare un farmaco utilizzato per la cura di altre malattie, per esempio l'HIV, o un farmaco antimalarico. Oggi è diverso.

Denti sani
Denti sani, a qualsiasi età, aiutano a mantenere sano anche il cuore.

Ciò significa che sapete quale terapia è efficace per un'infezione causata dal nuovo coronavirus?
Mettiamola così: sappiamo cosa non funziona. Non c'è ancora molto che possiamo fare contro il virus. Non  abbiamo un farmaco specifico che sia efficace contro questo virus. Nella maggior parte delle persone, il sistema immunitario è in grado di controllare ed eliminare il virus. Queste persone non hanno bisogno di terapia. In una piccola percentuale di coloro che ne sono colpiti, il sistema immunitario reagisce violentemente, si può dire in modo esagerato, e ciò causa danni ai polmoni portando alla polmonite da COVID-19. In questi casi, si cerca di inibire il sistema immunitario per prevenire la progressione della risposta infiammatoria.

La malattia COVID-19 colpisce il cuore?
La malattia è nuova, abbiamo ancora molto da imparare. Finora abbiamo osservato un'associazione temporale tra la virosi e varie cardiopatie come l'insufficienza  cardiaca, i disturbi del ritmo, l'infarto o l'infiammazione del muscolo cardiaco. Tuttavia, le relazioni non sono ancora state completamente chiarite.

Se qualcuno ha una grave malattia sistemica, come nel caso di COVID-19, cioè un'infiammazione in tutto l'organismo, il muscolo cardiaco deve pompare con molta più energia per sostenere la circolazione. Questo porta a stress, esaurimento o lesioni. In alcuni pazienti si osserva un'infezione del muscolo cardiaco, cioè una miocardite. Alle autopsie il nuovo coronavirus è stato trovato anche nel muscolo cardiaco.

Prof. Parham Sendi
«Una buona igiene va a beneficio di tutti, non solo di chi è a rischio.» Prof. Parham Sendi

Cos'è di fatto un'infezione?
Se i microrganismi entrano nell'organismo o in un siste ma di organi, si parla di infezione. Se l'infezione porta a una malattia, si tratta di una malattia infettiva. Oltre ai virus già citati, gli agenti patogeni comprendono batteri, funghi e parassiti. Tutti questi agenti patogeni possono anche causare infezioni del cuore o delle valvole cardiache.

Quali infezioni cardiache osserva?
Le due malattie più comuni sono la miocardite virale e l'endocardite batterica.

Ci spieghi meglio.
Cominciamo con la miocardite virale, un'infiammazione del muscolo cardiaco. I virus sono agenti patogeni molto piccoli che trasportano informazioni per riprodursi. Per sopravvivere e moltiplicarsi hanno bisogno di una cellula ospite. Virtualmente si tratta di pirati cellulari. La maggior parte dei virus preferisce certi tipi di  cellule, e alcuni virus possono anche penetrare nelle  cellule del muscolo cardiaco. Le cellule infette si alterano, il sistema immunitario le riconosce e reagisce: ciò porta alla miocardite.

È pericoloso?
La maggior parte dei pazienti con miocardite guarisce in genere molto bene. Ma ci sono anche decorsi complicati. A seconda di quanto gravemente e dove il muscolo  cardiaco viene danneggiato, può svilupparsi una aritmia o un'insufficienza cardiaca.

Chi contrae la miocardite?
Chiunque può contrarre la miocardite. Molti dei nostri pazienti adulti sono piuttosto giovani o di mezza età. Spesso non troviamo un agente patogeno, ma i pazienti riferiscono di un episodio di diarrea o di rinite. Sulla base di ciò, sospettiamo una malattia virale inizialmente innocua, che poi colpisce anche il muscolo cardiaco come complicanza. Perciò, in generale sono  utili le misure igieniche che stiamo applicando attualmente a causa della pandemia di COVID-19: ci proteggono dalla trasmissione di molti altri virus.

Nell'endocardite, invece, sono soprattutto i batteri a causare il danno. Qual è la differenza?
I batteri sono molto più grandi dei virus e sono organismi unicellulari. Non hanno bisogno di cellule ospiti, ma aderiscono in alcune sedi dell'organismo, si moltiplicano e formano una vegetazione o un ascesso. Affinché i batteri possano aderire a una parte del corpo, il tessuto è di solito già danneggiato.

In che punto del cuore succede ciò?
È interessato lo strato interno della parete cardiaca, chiamato endocardio, che riveste i ventricoli e le valvole cardiache. Se c'è una lesione, per esempio, i batteri possono insediarsi. Un fattore di rischio è la turbolenza del flusso sanguigno, che è causata da un difetto valvolare: anche questa danneggia l'endocardio. L'endocardite può verificarsi anche dopo un intervento chirurgico a una valvola cardiaca. E infine, le persone che hanno già avuto un'endocardite sono a maggior rischio di reinfezione.

Come ci arrivano i batteri?
Noi esseri umani ci portiamo dentro un'enorme quantità di batteri, almeno tanti quanti sono le cellule che costituiscono il nostro organismo. Questi batteri vivono con noi e sono anche utili. Finché i batteri orali rimangono in bocca, i batteri cutanei sulla pelle e quelli intestinali nell'intestino, tutto funziona bene. Diventa un problema quando questi batteri lasciano la loro sede naturale, quando, per esempio a causa di ferite, entrano nel sangue e si depositano sull'endocardio. Se l'endocardite non viene curata immediatamente, può danneg giare irrimediabilmente le valvole cardiache e diventare pericolosa per la vita.

Si può prevenire?
Sì, è possibile con misure igieniche. Ciò significa mantenere una buona igiene dentale e orale, avere cura della pelle, disinfettare immediatamente le lesioni cutanee. Queste misure sono particolarmente importanti e, tra l'altro, tutti ne traggono vantaggio, non solo chi è a maggior rischio.

Chi deve stare particolarmente attento?
Le persone con malattie o anomalie valvolari cardiache devono prestare molta attenzione a queste misure igieniche e consultare immediatamente un medico in caso di febbre. Poi c'è un altro gruppo di soggetti con un rischio particolarmente elevato. Questi includono persone con una valvola cardiaca artificiale o una cardiopatia congenita. Oltre a tutto ciò che è già stato detto, queste persone devono sottoporsi a una profilassi antibiotica prima di certe procedure, per esempio prima di andare dal dentista. Vengono informati dal cardiologo e ricevono la tessera della Fondazione Svizzera di Cardiologia per la profilassi dell'endocardite.

Infine, una domanda che riguarda la maggior parte di noi. Ovunque troviamo pubblicità di rimedi o ricette casalinghe che dovrebbero rinforzare il sistema immunitario. Sono efficaci?
Sono un medico, quindi posso rispondere solo dal punto di vista medico. Noi riteniamo che sia possibile evitare un indebolimento del sistema immunitario. Per esempio, se si è gravemente malnutriti, è necessario seguire una dieta equilibrata per eliminare o prevenire questo indebolimento del sistema immunitario. Tuttavia, non sono a conoscenza del fatto che un sistema immunitario normale o ben funzionante possa essere ulteriormente rinforzato.


Informazioni per gli interessati

Ulteriori informazioni sulla prevenzione, la diagnosi e il trattamento dell'endocardite si trovano su www.endocardite.ch

Condividi il sito Web