Newsroom

La goccia di sangue che aiuta le vittime di ictus

Nonostante il continuo miglioramento delle terapie, molti malati subiscono un secondo ictus: Mira Katan dell'Ospedale Universitario di Zurigo vuole cambiare tutto ciò. Con le sue ricerche studia il sangue alla ricerca di indizi sulle cause più oscure, per trovare una prevenzione più mirata che eviti ulteriori eventi.

Come neurologa, quali idee sbagliate sull'ictus incontra?
PD Dr.ssa Mira Katan: Quando la gente parla di un ictus o di attacco ischemico transitorio, alcuni pensano ancora che sia colpito il cuore. Pare difficile anche la classificazione dell'evento. Molti credono anche che un ictus colpisca solo persone molto anziane e malate, ma non è così. Infine, spesso sento dire che l'ictus è una fatalità del destino e non ci si può fare niente. Anche questo è sbagliato.

Quanti giovani subiscono un ictus?
In Svizzera, ogni 35 minuti qualcuno subisce un ictus. Questo numero non comprende coloro che hanno l'ictus, per esempio, a casa, e non vanno in ospedale. Il numero di casi non segnalati è quindi certamente più alto. Circa il 15% delle persone colpite ha un'età compresa tra i 18 e i 50 anni, e anche i bambini possono esserne colpiti.

Dr. Mira Katan
I biomarcatori possono rilevare i processi patologici e permettere una cura migliore.

La forma più comune è l'ictus ischemico, che è un disturbo circolatorio nel cervello: è causato da un coagulo che occlude un vaso e blocca l'apporto di sangue. Come si verifica una tale occlusione vascolare?
Le cause sono molto diverse dagli infarti cardiaci, dove gran parte delle occlusioni vascolari sono dovute all'arteriosclerosi. Nel caso dell'ictus cerebrale, l'arteriosclerosi dei grandi vasi rappresenta circa il 15-20%. Un'altra causa comune è la malattia dei piccoli vasi sanguigni del cervello. Infine, una grande percentuale di ictus è di tipo cardioembolico. Questo significa che c'è un coagulo nel cuore che viene trasportato e raggiunge il cervello. Nel 30% dei casi, tuttavia, nonostante tutti gli accertamenti, non siamo in grado di scoprire chiaramente cosa ha causato l'ictus.

Quali sono le conseguenze per questi pazienti?
Dopo il trattamento acuto dell'ictus, è essenziale evitare che se ne verifichi un altro. Per fare questo, dobbiamo sapere cosa ha causato il primo evento. I pazienti per i quali non riusciamo a capirlo chiaramente ricevono una terapia preventiva standard. Questa è efficace, ma se conoscessimo la causa esatta potremmo ridurre ulteriormente il rischio di un secondo ictus attraverso una terapia mirata.

Quanti sono i malati che subiscono un altro ictus?
Si tratta di un numero relativamente grande, dall'8 al 12% circa nei cinque anni successivi. Purtroppo, questa proporzione non è diminuita in modo rilevante negli ultimi anni.

Dr. Mira Katan
«Una grande percen‑tuale di ictus è di tipo cardioembolico. Cioè, l'origine è nel cuore.» Dr.ssa Mira Katan

Come pensa di prevenire altri ictus cerebrali?
I biomarcatori nel sangue ci aiutano a stabilire la causa di un ictus cerebrale di origine sconosciuta. Tra l'altro, ho cercato un biomarcatore proteico specifico che riveli la malattia cardiaca sottostante. Dopo numerosi studi, ora sappiamo che in alcune persone con un marcatore alto, molto probabilmente l'ictus è il risultato di una malattia cardiaca. Cioè, a causa di un'aritmia cardiaca, si è formato un coagulo nell'atrio del cuore ed è stato trasportato nel cervello.

Come cambia il trattamento preventivo?
Possiamo adeguare la terapia di fluidificazione del sangue. Nella fibrillazione atriale, il trattamento con un anticoagulante orale è molto più efficace della più de bole terapia antiaggregante standard. Quindi si presume che una persona con un marcatore alto beneficerà di una maggiore fluidificazione del sangue. In una prossima fase dovremo chiarire se questo è effettivamente vero.

Come si fa?
Con un cosiddetto studio randomizzato. Chiediamo ai pazienti colpiti da ictus se vogliono partecipare e li dividiamo a caso in due gruppi. Un gruppo riceve la terapia standard usata finora, l'altro l'anticoagulante orale. Dopo un certo periodo di tempo, analizziamo in quale gruppo si è verificato il maggior numero di ictus cerebrali. Uno studio di questo tipo è attualmente in corso in vari ospedali in Svizzera e all'estero con il sostegno, tra gli altri, del Fondo nazionale svizzero e della Fondazione Svizzera di Cardiologia.

Cosa si aspetta dai risultati?
Sono molto curiosa. Per molto tempo, ho sognato di poter identificare la causa di un ictus e migliorare la terapia con una semplice goccia di sangue. Speriamo che si realizzi, sarebbe auspicabile per i pazienti.

Lei non è solo una ricercatrice, ma cura anche i pazienti in ospedale. Quale lavoro preferisce?
Mi piace fare entrambe le cose, i compiti si completano a vicenda. Chi si occupa di ricerca clinica come me, dovrebbe lavorare in ospedale. È lì che si scopre ciò che è rilevante nella pratica quotidiana. Cioè, quali sono le domande a cui la ricerca deve rispondere per poter aiutare pazienti e colleghi e quindi riuscire a fare la differenza.

Quindi la ricerca fa la differenza?
Il bello è che con la ricerca si può aiutare più di un paziente. Se un'ipotesi è confermata e scopriamo un metodo diagnostico o un trattamento migliore, in linea di principio ne beneficeranno tutti i futuri malati del mondo. Lo vedo come un compito molto significativo.

[Translate to Italienisch:] spenden

La Fondazione Svizzera di Cardiologia promuove progretti di ricerca per poter aiutare meglio i pazienti in futuro. Aiutate anche voi con un'offerta.

Articolo della nostra rivista CUORE e ICTUS CEREBRALE, agosto 2021


Saperne di più

Ictus cerebrale: un evento serio

L'ictus cerebrale: un evento serio

Cosa causa un ictus cerebrale, come si può prevenire, come si riconosce un ictus cerebrale e cosa c'è effettivamente dietro a quello che si definisce TIA? In questo pieghevole, i principali argomenti sono presentati in modo breve e chiaro.

Ordinare qui

Condividi il sito Web