Sistemi di supporto cardiaco (VAD)

Per i pazienti affetti da insufficienza cardiaca in fase avanzata sono disponibili sistemi di supporto cardiaco. Solitamente questi vengono impiantati nel periodo di attesa di un trapianto di cuore, ma sempre più spesso vengono utilizzati anche come cosiddetta «destination therapy», cioè fino a fine vita.

In caso di insufficienza cardiaca, a seconda della gravità della malattia, sono disponibili diverse opzioni di trattamento. Le misure sullo stile di vita e la terapia farmacologica aiutano a ridurre i sintomi, a rallentare la progressione della malattia e consentono di vivere più a lungo con la migliore qualità di vita possibile. In caso di insufficienza cardiaca grave sono spesso necessari ulteriori interventi. Questi comprendono l'impianto di un pacemaker per la terapia di risincronizzazione cardiaca (CRT) o di un defibrillatore impiantabile (ICD). Nelle fasi più avanzate, quando i trattamenti di cui sopra non sono più sufficienti, vengono utilizzati anche i sistemi di supporto cardiaco, che sono chiamati cuore artificiale, pompa cardiaca o dispositivo di assistenza ventricolare (VAD).

Cos'è un VAD?

Sistemo di supporto cardiaco (VAD)

Un VAD è una pompa meccanica che sostituisce la funzione del ventricolo sinistro, destro o entrambi. Nella maggior parte dei casi viene utilizzato un dispositivo di assistenza ventricolare sinistra (LVAD) per supportare il ventricolo sinistro. Il dispositivo viene impiantato nella punta del cuore. Aspira il sangue ricco di ossigeno, che il cuore non riesce più a pompare nel corpo, dal ventricolo sinistro e poi lo pompa nell'aorta attraverso un passaggio artificiale chiamato graft. L'unità di controllo e la batteria si trovano all'esterno del corpo e la pompa cardiaca è collegata tramite un cavo di collegamento.

Quando si prende in considerazione un VAD?

Di solito, il sistema di supporto cardiaco è utilizzato nell'insufficienza cardiaca in stadio terminale per superare il periodo di attesa di un trapianto cardiaco. In questo modo, il paziente può riprendersi e trovarsi nelle migliori condizioni fisiche possibili per il trapianto. Questo intervento è detto «bridge to transplant». Grazie al fatto che i dispositivi sono diventati sempre più piccoli, oggi vengono utilizzati anche come terapia permanente. La cosiddetta «destination therapy» è una possibilità per le persone che non possono ricevere trapianti per ragioni mediche o a causa della loro età avanzata. In qualche caso, un VAD viene impiantato e rimosso dopo un certo tempo quando il cuore si è ripreso. Questo utilizzo temporaneo è detto «bridge to recovery».

Quali sono i punti deboli di un VAD?

Un VAD è una superficie estranea all'organismo. Il sangue che viene a contatto con essa reagisce e possono formarsi dei coaguli. Il paziente ha quindi bisogno di anticoagulanti. I ricercatori stanno ora cercando di rivestire le pompe con materiale biologico in modo che l'organismo non percepisca i dispositivi come corpi estranei. In questo modo, in futuro si potrebbe evitare l'uso degli anticoagulanti e degli antiaggreganti piastrinici.

Inoltre, entro un anno circa il 10% dei pazienti sviluppa infezioni nel punto di ingresso del cavo nel corpo. Per evitarlo, i ricercatori stanno cercando di inserire la batteria e l'unità di controllo sottocute, rendendo superfluo il cavo attraverso la pelle, tuttavia, per ottenere ciò, dovrà essere possibile caricare la batteria dall'esterno.

Dove posso ottenere maggiori informazioni?

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare il proprio cardiologo.

Condividi il sito Web