Interventi sulle arterie delle gambe

Di cosa si tratta?

Nell’arteriopatia obliterante periferica (AOP), le arterie degli arti inferiori sono talmente ristrette che si possono manifestare forti dolori alle gambe, con il pericolo che la carente irrorazione sanguigna determini la morte dei tessuti.

Procedimento

Ci sono diverse possibilità di migliorare l’irrorazione sanguigna in caso di stenosi delle arterie delle gambe:

  • Dilatazione con palloncino (PTA): con o senza contemporaneo impianto di stent, che può essere eseguita anche in associazione a embolectomia con catetere (rimozione di un coagulo di sangue dall'occlusione con l'ausilio di un catetere).
  • Deviazione del vaso sanguigno (by-pass): per superare il restringimento (stenosi) si crea una deviazione del vaso sanguigno mediante materiale prelevato dal corpo del paziente (vene della gamba) o materiale sintetico.
  • Disobliterazione o tromboendoarteriectomia (asportazione per sbucciamento): le stenosi causate dai depositi arteriosclerotici vengono asportate dalla parete interna dell’arteria con uno strumento speciale che la sbuccia dall’interno (disobliterazione). 

Degenza in ospedale

7-10 giorni.


Saperne di più

Interventi sulle arterie del bacino e delle gambe

Da molti anni i disturbi circolatori nelle arterie delle gambe e del bacino (arteriopatia obliterante periferica; AOP) si curano chirurgicamente.L'opuscolo descrive i diversi tipi d'operazione, spiega come si esegue l'intervento, come lei può prepararsi all'operazione e a che cosa dovrà prestare attenzione dopo la stessa.

Ordinare qui

Condividi il sito Web