Smettere di fumare

Dalle statistiche risulta molto chiaramente quanto sia importante per lei rinunciare al fumo:

  • Le persone che fumano sono colpite quattro volte più spesso da un infarto.
  • Il 90 % degli uomini, deceduti tra i 40 e i 60 anni in seguito ad un infarto del miocardio, erano dei fumatori.
  • Chi continua a fumare anche dopo un infarto, ha un rischio due volte maggiore di subire un altro infarto. 

Vantaggi della disassuefazione dal fumo

Fumando lei si espone giorno dopo giorno a più di 7000 sostanze nocive diverse, tra le quali 70 all'incirca che sono cancerogene. Il fumo del tabacco danneggia le vie respiratorie, i polmoni e il sistema cardiocircolatorio. Ad ogni boccata ad una sigaretta, i vasi sanguigni si restringono, per cui la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca aumentano, e ambedue, gravano alla lunga sui vasi sanguigni. Il monossido di carbonio nel fumo della sigaretta riduce la capacità del sangue di trasportare l’ossigeno. In questo modo, le pareti interne delle arterie e tutti i vasi non ricevono ossigeno a sufficienza. Tutti questi fattori favoriscono l’arteriosclerosi e le loro conseguenze tipiche.

Se smette di fumare, il suo rischio di arteriosclerosi inizia immediatamente a diminuire. Dopo cinque anni senza fumare (a seconda del numero di sigarette fumate, soltanto dopo 15 anni), il rischio di infarto del miocardio è analogo a quello delle persone che non hanno mai fumato. Diminuisce notevolmente anche il rischio di malattie respiratorie cariche di conseguenze.

Oltre alla salute, numerosi sono i motivi per i quali conviene smettere di fumare:

  • Sarà più libero e non più sotto la pressione di dovere continuamente accendersi una sigaretta.
  • Il suo rendimento fisico migliorerà.
  • Tossirà meno e respirerà meglio.
  • I cibi saranno più saporiti.
  • La sua pelle sarà più bella e invecchierà più lentamente.
  • Il suo corpo, i suoi capelli, i suoi abiti e la sua abitazione perderanno lo spiacevole odore di fumo di sigaretta.
  • Risparmierà molto denaro: se prima fumava un pacchetto al giorno, il risparmio sarà di 2’900 franchi all’anno. 

Libero dal peso del rischio

Fumare è un fattore di rischio reversibile. Se smette di fumare, dopo tre-cinque anni (a seconda del numero di sigarette fumate giornalmente) non sarà più soggetto al rischio rappresentato da questa abitudine! Migliorerà il suo rendimento fisico:

Dopo 20 minuti Pressione sanguigna e polso si normalizzano.
La circolazione sanguigna delle mani e dei piedi migliora e le dita diventano più calde.
Dopo 8 ore Il livello di ossigeno nel sangue si normalizza:
i rischi di infarto diminuiscono immediatamente e continuano a diminuire progressivamente (riduzione completa nell'arco di 5-10 anni).
Dopo 24 ore Il monossido di carbonio viene espulso dall'organismo:
i polmoni incominciano a liberarsi dal muco e dalle sostanze nocive.
Incominciano a diminuire i rischi di ictus, aneurisma dell'aorta e malattie arteriose periferiche e continuano a diminuire ulteriormente ogni giorno in cui non fuma.
Dopo 48 ore Non si riscontra più la presenza di nicotina nell'organismo. Il senso dell'odorato e del gusto migliorano.
Dopo 72 ore Diventa più facile respirare e i bronchi si rilassano. L'energia fisica aumenta.
Dopo 2-12 settimane La circolazione sanguigna in tutto l'organismo migliora, per cui - per esempio - risulta più facile salire le scale.
Dopo 3-9 mesi Diminuiscono i disturbi respiratori, come tosse e dispnea ("fiato corto"): la funzione polmonare migliora del 5-10 %.
Dopo 1 anno Il pericolo di arteriosclerosi e malattia cardiocircolatoria si è ridotto di metà.
Dopo 5 anni Il rischio di infarto si è ridotto alla metà di quello di un fumatore. Il rischio di diabete ha raggiunto il livello di chi non fuma.
Dopo 10 anni Il rischio di cancro al polmone diminuisce a circa la metà di quello di chi fuma.
Dopo 15 anni Il pericolo di infarto oppure di ictus ha raggiunto il livello di chi non ha mai fumato.

Test dipendenza dalla nicotina

Condividi il sito Web