Scintigrafia miocardica da perfusione

Di cosa si tratta?

Con la scintigrafia miocardica da perfusione (SPM) si esamina l’irrorazione sanguigna del miocardio. Ciò permette per esempio di individuare zone miocardiche troppo poco irrorate o che in conseguenza di un infarto cardiaco sono morte.

Procedimento

Si inietta una quantità minima di una sostanza radioattiva nella vena del braccio del paziente. Questa sostanza si deposita soltanto nella parte sufficientemente irrorata del miocardio. Una camera per la rilevazione di radiazioni capta i segnali emessi dalle particelle radioattive e in base ad essi realizza un’immagine del cuore. Nelle zone che emettono molti segnali il miocardio è sano, in quelle che emettono solo pochi segnali l’irrorazione sanguigna è insufficiente. L’esame, a parte la puntura per l’iniezione, è indolore. La scintigrafia miocardica da perfusione si può effettuare sia a riposo che anche sotto sforzo fisico.

Durata

Sotto sforzo circa un’ora, a riposo 30 - 45 minuti. Tra i due esami deve intercorrere una pausa d’attesa.


Saperne di più

La diagnostica della malattia coronarica

Allorché si constata o presume una malattia coronarica, sono nesessari determinati accertamenti per valutare la severità del problema.Il presente opuscolo vi illustrerà gli esami diagnostici che il vostro medico effettuerà o ordinerà.

Ordinare qui

Condividi il sito Web